Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)
Ho teso corde da campanile a campanile, ghirlande da finestra a finestra, catene d'oro da stella a stella, e danzo. www.lavorgna.it

A volte è triste avere ragione

Leggendo la rassegna stampa, questa mattina, che riporta con ampio risalto il declassamento dell’Europa da parte di S&P, principale agenzia di rating, mi è tornato alla mente un mio vecchio articolo, addirittura del lontano 1977, pubblicato sulla prestigiosa “Rivista di Studi Corporativi”, diretta da Gaetano Rasi. Mi costò strali, in quel periodo, in quanto la mia vocazione europeista era vista con scarsa simpatia in un ambiente fortemente connotato da rigurgiti nazionalisti. A onor del vero l’essere troppo avanti, rispetto ai tempi, mi costò anche altro, ma non è il caso di rinvangare tristi storie, oramai abbondantemente archiviate dal fluire degli eventi. Ciò che mi preme sottolineare è che i nodi, presto o tardi, vengono al pettine. Bisogna prima pensare all’Europa Politica, sostenevo, e poi a quella economica. Bisogna formare gli Stati Uniti d’Europa e superare le divisioni nazionaliste, sentirsi veramente “Fratelli d’Europa” e il resto verrà da sé.
“Una politica monetaria europea è la conseguenza, non la causa – scrivevo allora – della unificazione delle politiche economiche dei singoli Stati”. A volte è davvero triste avere ragione.
(lino lavorgna) – L’articolo del 1977 fu firmato con il nome di battesimo, Pasquale



Annunci

Nessuna Risposta to “A volte è triste avere ragione”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...