Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)
Ho teso corde da campanile a campanile, ghirlande da finestra a finestra, catene d'oro da stella a stella, e danzo. www.lavorgna.it

Archivio per febbraio 2013

The final count down

febbraio 22, 2013

Sono ore cruciali per la Storia del nostro Paese, perché l’assetto politico che scaturirà dalle elezioni condizionerà, nel bene e nel male, la vita di un intero Popolo per molti anni, partendo da una realtà drammatica, che impone scelte oculate. La speranza è che esse non siano suggestionate né dalla legittima rabbia né dalle cialtronesche […]

L’occasione mancata

febbraio 12, 2013

Gentile Signora Angela, non infierirò su di Lei, perché il Codice Cavalleresco cui sono assoggettato non me lo consente. Posso dirle, tuttavia, che Lei ha perso una splendida occasione per conquistarsi planetaria gratitudine e imperituro rispetto, invece di umana compassione. E’ pur vero che occorre forte improntitudine per mollare un ceffone o rispondere a tono […]

Il sonno della ragione genera mostri.

febbraio 9, 2013

IL DISORIENTAMENTO DELLA CLASSE MEDIA E UNA COMUNICAZIONE NON CORRETTA STANNO PRODUCENDO GRANDE CONFUSIONE. Un dato interessante che emerge in questa campagna elettorale, al di là di tutto quanto evincibile attraverso i media, è il massiccio numero di persone che non riescono proprio a districarsi nel convulso e frammentato panorama politico, pur essendo pervasi da […]

Cari Giovani, vi scrivo.

febbraio 7, 2013

Cari giovani, so bene quanto siate riluttanti a prestare ascolto alle parole degli adulti, che a giusta causa ritenete responsabili dello sfacelo in cui versa il Paese. A scanso di equivoci pertanto, vi dico subito che non è mia intenzione annoiarvi con un predicozzo di maniera, o assumere il ruolo di chi, vivendo in mezzo […]

Italia: Il fallimento del decentramento amministrativo

febbraio 4, 2013

«Le autonomie si salveranno, matureranno, resisteranno, solo a una condizione: che dimostrino di essere migliori della burocrazia statale, migliori del sistema accentrato statale, migliori soprattutto per quanto riguarda le spese…» Chissà cosa passava nella mente di Alcide De Gasperi, quando pronunciò questa frase. Molto probabilmente, conoscendo bene “l’animus” del suo popolo, presagiva che il regionalismo […]