Analisi di uno studioso. Bruno Iorio e la nostalgia dell’amico.

Annamaria Rufino con i relatori
Gli amici di Bruno


Aveva seminato bene, Bruno Iorio, nel suo incedere terreno, e l’evento di ieri ne ha rappresentato una fulgida prova.
Una folla composita, eterogenea, di giovani e meno giovani, ha raccolto l’invito di quella autentica forza della natura che risponde al nome di Annamaria Rufino, per testimoniare il proprio affetto nei confronti di un uomo che sapeva solo amare.
Il pensiero di Bruno è stato magistralmente scandagliato da due intellettuali di spessore, Alfredo Omaggio e Luca Frassineti, e da Massimo Cacciari, che ovviamente non necessita di attributi. Il primo, amico di vecchia data, ha messo in luce la straordinaria capacità analitica, soprattutto nella dottrina politica. Un’analisi che fa traballare anche il decisionismo Schmittiano, del quale, come poi avrebbe meglio spiegato Cacciari, Bruno ha saputo cogliere le profonde distonie propositive circa la necessità di dover sempre presupporre , “nell’ambito di una visione teologica del politico, la presenza oscura e tremenda di un potere decisionale puro…” (1).
Frassineti, che di Bruno è stato uno studioso appassionato, purtroppo senza avere avuto il piacere di conoscerlo, ha creato un parallelismo tra i preziosi studi sull’incapacità di molti esseri umani a entrare in sintonia con il proprio tempo e e le vicende di Don Fabrizio Corbera, il Principe di Salina del celebre romanzo “Il Gattopardo”, anch’egli incapace di accettare il nuovo corso sociale, non tanto perché riesca a prevederne i limiti quanto per un solido attaccamento a un passato tutto incentrato su sé stesso. Il rifiuto della carica di senatore, per esempio, più che al lealismo borbonico fu ancorato all’incapacità di assumersi la responsabilità politica di un cambiamento di cui, sostanzialmente, non si sente partecipe.
L’intervento di Massimo Cacciari, manco a dirlo, ha sublimato quanto esposto dai suoi predecessori, con continui riferimenti alla lunga frequentazione e al proficuo dibattito sulla complessità del mondo, ancorato a presupposti scevri di pregiudizi ideologici e dottrinari, come si addice a soggetti capaci di volare alto.
Annamaria ha moderato secondo il suo stile, quello che traspariva evidente sin dagli anni giovanili, perché, come affermava qualcuno in un grande film: “I cavalli vincenti si vedono alla partenza”. Non si è colto un filo di emozione nella sua voce: dopo tutto la cultura è un grande sostegno per lo spirito, specialmente in certe circostanze. Bruno, del resto, non era assente. Era lì, in ciascuno di noi che lo abbiamo stimato, apprezzato e soprattutto amato. Ed era lì, in modo ancora più concreto, grazie alla presenza di Giuseppe, che è rimasto in silenzio per tutto il tempo, saldando con la mente quel cammino terreno che lo ha privato troppo presto di un compagno di viaggio, ma non certo di una guida, perché uomini come Bruno riescono ad essere presenti anche quando sono assenti.
Annamaria non ha resistito alla tentazione di lanciare una frustata alla realtà contingente. Anche questo fa parte del suo stile, perché lei è profondamente calata nel presente e lo è sempre stata. La crisi della società è sotto gli occhi di tutti e lo stato pietoso in cui versano le università italiane non lasciano presagire nulla di buono.
Dopo la relazione di Cacciari erano previsti degli interventi, ma ho ritenuto inopportuno il mio: da una lato non potevo permettermi il lusso che nella mia voce si cogliesse una partecipazione emotiva superiore a quella manifestata dalla moglie, cosa possibile in un vecchio leone che, però, ha i suoi talloni di Achille; dall’altra mi sono reso conto che era davvero difficile contenere, in pochi minuti, sia la ricca aneddotica che ha caratterizzato la nostra amicizia sia un importante aspetto che non era emerso nelle relazioni, se non in un breve inciso di Cacciari.
Sui primi sono costretto a sorvolare anche ora. Sul secondo qualcosa posso dire. Bruno Iorio non era solo un raffinato cultore di storia, filosofia e dottrina politica, ma anche un profondo conoscitore dei simboli e dei simbolisti. Con me parlava poco di Croce, Abbagnano, Del Noce perché la sua straordinaria intelligenza lo portava a capire “tutto” delle persone con le quali interloquiva, inducendolo a recarsi nei loro pascoli e dimostrando, con sconvolgente maestria, di averli meglio arati. A quel tempo mangiavo pane ed Evola, Nietzsche, Ibsen, Jünger, letteratura bretone. Cacciari ha ricordato, in un breve inciso, l’attenzione da Bruno prestata ai pensatori tradizionalisti o controrivoluzionari. Posso testimoniare che la conoscenza di questi autori era assolutamente paritetica rispetto a quella degli autori a lui più affini e di gran lunga superiore a quella di tanti esegeti o presunti tali adusi a distorcerne il pensiero per plasmarlo alle proprie visionarie esigenze dottrinarie.
L’ultimo intervento è stato effettuato da un compagno di classe, della scuola media e del liceo (2), capace di strappare un sorriso citando l’abilità con la quale Bruno metteva in difficoltà i docenti, i quali, sapendone meno di lui, restavano in ossequioso silenzio quando egli esponeva, per esempio: “La teoria di Beckenbauer” (3). Ciò ha offerto il destro, ad Annamaria, per ricordare anche l’autoironia di cui era pervaso Bruno, capace di pensare cose estremamente complesse senza mai perdere di vista l’essenza della vita, la sua caducità e i limiti della natura umana.
(lino lavorgna)


1) Analisi del decisionismo. Carl Shmitt e la nostalgia del tiranno. Giannini Editori – 1987
2) Prof. Francesco Sgambato – Primario Medico Internista Ospedale Fatebenefratelli – Benevento. E’ l’autore della poesia “La III A, declamata al termine dle convegno”.
3) Famoso calciatore tedesco degli anni sessanta e settanta.

Annamaria Rufino e i relatori
Annamaria Rufino co Massimo Cacciari. A sinistra il figlio Giuseppe.
I relatori

LA TERZA A

Dediche

Cliccare sulle foto per vederle ingrandite

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.