Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)
Ho teso corde da campanile a campanile, ghirlande da finestra a finestra, catene d'oro da stella a stella, e danzo. www.lavorgna.it

CARO TSIPRAS ORA NON TIRARE TROPPO LA CORDA

TSIPRAS


Caro Tsipras, nei precedenti articoli dedicati alla “tragedia greca” del 21° secolo non ho mancato, con chiarezza e senza riserve, di manifestarti tutta la simpatia e la stima conquistate con il tuo coraggio e l’abilità politica dimostrata.
Stima e simpatia restano immutate, però ora servono azioni concrete, altrimenti costringi me, insieme con tanti altri, a “fare marcia indietro”, ossia ad ammettere di averti sopravvalutato.
Ora è il momento di “chiudere il cerchio” e il dibattito odierno al Parlamento Europeo, sia pure tra le immancabili baggianate profferite dai miracolati che dovrebbero vendere caldarroste nelle piazze belle delle rispettive capitali, lo ha sancito in modo inequivocabile.
Parliamo sempre di politica, per carità, perché mai da una mia frase si potrà desumere che essa non sia prioritaria rispetto all’economia.
E’ bene tuttavia, politicamente parlando, fare anche un po’ di conti.
Il “tuo” (perdona il pleonasmo) debito ammonta a 317 miliardi di euro, il 61% dei quali è in mano ai partner dell’Eurozona, con tassi molto agevolati.
In più vi sono i prestiti concessi dall’EFSF (European Financial Stability Facility) – sostituito dall’ESM (European Stability Mechanism o Fondo Salva Stati) dal Luglio 2012, pari a 141,8 miliardi di euro. Nel secondo programma di aiuti siglato nel 2012 è stato ridotto il tasso d’interesse e differito il pagamento.
La durata media dei prestiti è di 30 anni, con un interesse medio del 2,5%.
A quasi 53 miliardi di euro ammontano i prestiti bilaterali concessi dai partner euro (rientrano nel primo programma di aiuti), con un tasso d’interesse pari a quello sostenuto per finanziare i singoli Paesi dell’Eurozona.
Ancora, ci sono 27 miliardi di euro di titoli di Stato greci acquistati dalla BCE nell’ambito del programma SMP (Securities Markets Program) nel 2010, con un tasso d’interesse medio del 5,1%.
I prestiti concessi dal Fmi ammontano a 21 miliardi di euro, con un tasso d’interesse medio del 3,4%.
Poi ci sono 36,6 miliardi di euro detenuti da investitori privati e di questi 29,5 miliardi sono i titoli emessi nell’ambito della ristrutturazione del debito greco nel 2012. Su questi bond il tasso d’interesse è progressivo, adesso è al 3% e salirà fino al 3,65% nel 2020 e poi dal 2021 si attesterà al 4,3%.
In totale siamo a circa 420 miliardi di debiti, spalmabili su un arco di tempo tutto sommato abbastanza ampio.
Ora, a prescindere da tutte le considerazioni sulla politica dissennata della Troika, sulla quale presumo di aver già detto e scritto abbastanza, e ribadendo quanto da te giustamente asserito, ossia che i fondi stanziati sono serviti in massima parte (il 90%!) per salvare le banche, lasciando le “briciole” al popolo greco, vediamo quello che puoi fare tu subito.
Quanti sono i parlamentari che hanno sostenuto i partiti di maggioranza dal 1974 fino al tuo avvento? Risparmiami la fatica: i tuoi collaboratori impiegheranno pochi minuti a stilare un bel dossier, fornendo un corposo elenco.
Approssimativamente saranno circa 2000 persone, tutte “colpevoli” di ruberie e complicità con i governi che hanno creato il disastro greco. Questi parlamentari e governanti hanno accumulato ingenti fortune, molte delle quali trafugate all’estero. Ora, ammesso che tu fossi in grado di “recuperare” da ciascuno di loro “solo” 2.000.000, avresti “cash” e “subito” 4.000.000.000 di euro.
(Avviso per coloro che sono già pronti a replicare: bisogna processarli; accumulare prove; i difensori faranno di tutto per dimostrare che sono innocenti e in molti casi vi riusciranno, etc etc. – Lo so. Ma so anche che in caso d’incriminazione congiunta di “associazione per delinquere, cospirazione contro gli interessi dello stato, abuso d’ufficio, concussione, corruzione”, molti di loro (tutti) preferiranno patteggiare ed evitare la galera (lunga e pesante) restituendo il malloppo o almeno buona parte di esso.)
Anche i beni immobili acquisiti con i soldi rubati, ovviamente, vanno confiscati. A quanto ammontano? Non lo so… ma a occhio e croce, con una previsione che mantengo necessariamente bassa, parliamo di almeno 2.000.000 di euro a testa (ma è ben chiaro che da una precisa valutazione risulterebbe un importo molto più cospicuo). Vendita all’asta dei loro beni immobili e recuperi almeno altri 4.000.000.000 di euro, che con i quattro precedenti ti danno (ti avrebbero dato) la possibilità di saldare le rate di agosto e ti avanza pure qualcosa.
E poi vi sono i titoli e chissà quante altre cose ancora.
Sugli armamenti faccio riferimento all’articolo più volte citato. Vogliamo recuperare i 3 miliardi di mazzette pagate, facendo “cantare” tutti i colpevoli? Vogliamo svendere un arsenale che non ti serve? Guerre in vista non ve ne sono e, nella sfortunata ipotesi ne dovessi combattere una, avresti più chances con gli arcieri delle associazioni di rievocazione storica che con i bidoni che hanno rifilato ai tuoi predecessori, come ben scritto nel citato e articolo.
Fatto questo, passiamo alla PA e agli evasori seriali. Si ruba ovunque e lo sai. Le riforme strutturali devono INNANZITUTTO riguardare l’etica delle professioni, colpendo duramente i colpevoli. Vogliamo recuperare altri 3/4 miliardi di euro dagli evasori fiscali e dai funzionari disonesti?
Il resto che si aspetta da te (tasse agli armatori, eliminazione delle pensioni baby, equo ritocco all’IVA etc.,) te lo hanno detto i parlamentari nei loro interventi.
Ora la palla è a te. Ma basta con i palleggi. Tira in porta e fai goal.

Annunci

Nessuna Risposta to “CARO TSIPRAS ORA NON TIRARE TROPPO LA CORDA”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...