Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)
Ho teso corde da campanile a campanile, ghirlande da finestra a finestra, catene d'oro da stella a stella, e danzo. www.lavorgna.it

Unioni Civili: La posizione di “Europa Nazione”

02


PRIMA PARTE

NO ALLA GESTAZIONE PER ALTRI (Comunemente detta, con volgarissima espressione che i media farebbero bene ad accantonare: “utero in affitto”).

NO AL MATRIMONIO FRA PERSONE DELLO STESSO SESSO.
NO ALLE ADOZIONI PER COPPIE OMOSESSUALI.
NO ALLE ADOZIONI DEL FIGLIO DEL CONVIVENTE OMOSESSUALE (Cosiddetta “stepchild adoption”).


Il dibattito sulle Unioni Civili sta offrendo uno spaccato sociologico che riflette, in pieno, le divisioni che sempre caratterizzano i momenti di transizione epocale. Ciascuno difende con veemenza le proprie idee, ritenendole verità assolute.
Ho preferito iniziare quest’articolo esponendo subito il mio pensiero, perché mi rendo conto che l’elemento più “solleticante” è proprio cosa si pensi su un argomento così delicato. Esaudita la legittima curiosità, quindi, posso serenamente esporre le argomentazioni che mi stanno più a cuore e che riguardano non tanto la materia nel suo complesso, quanto l’approccio a essa riservato dai media, dai politici, dai cittadini.
Un approccio che pone tutti dalla parte del torto, per svariate cause, a prescindere dalle tesi sostenute.
Precisando subito che nessuno ha il diritto di stabilire, in questo campo, cosa sia giusto e cosa sbagliato, partiamo da alcuni concetti fondamentali, perché senza “paletti fissi” si può solo parlare a vanvera.
Una tesi “ritenuta” giusta, difesa in modo sbagliato, perde efficacia; la perde anche se è difesa dagli uomini sbagliati, per fini strumentali. Viceversa, una tesi “ritenuta” sbagliata, sostenuta da persone “giuste” (Chi sono? Quelle di alto spessore etico-morale, che parlano e agiscono onestamente, senza secondi fini, in virtù della loro esperienza, cultura e visione del mondo) acquisisce una forza intrinsecamente superiore alla tesi opposta, in virtù della qualità dei soggetti proponenti.
Il dato che emerge da questo assioma, pertanto, è fondamentale per inquadrare l’intero impianto legislativo nella sua giusta ottica, rendendolo spurio da qualsivoglia manipolazione manichea e dalle inevitabili contaminazioni di stampo oscurantista, che rappresentano una costante nella storia dell’Umanità. Come sempre, per capire bene il presente, bisogna guardare al passato. Non si può prescindere, inoltre, da ciò che accade nel resto del mondo. Essendo impossibile una disamina a largo spettro, l’articolo si prefigge solo di offrire una diversa chiave di lettura rispetto al bla bla bla che siamo costretti a sorbirci quotidianamente, favorire una pacata riflessione sui propri convincimenti e stimolare autonomi approfondimenti.


L’UOMO AL COSPETTO DEI CAMBIAMENTI
La storia dell’umanità presenta, periodicamente, dei periodi di transizione caratterizzati da grandi svolte. In queste fasi sono molto forti le contrapposizioni tra chi non riesce ad accettare il nuovo e chi, invece, vuole lasciarsi alle spalle il vecchio. Ogni “rivoluzione epocale”, per secoli, ha rappresentato una conquista che si caratterizzava come “scoperta”, a volte pagata a caro prezzo dai conquistatori. Il progresso scientifico ha migliorato gradualmente le condizioni di vita degli esseri umani, condizionando anche i costumi, le abitudini, il modo di pensare e di rapportarsi con il prossimo. Non ovunque, ovviamente, e pertanto ci limitiamo, per non ingolfarci, a parlare solo del cosiddetto mondo occidentale. Negli ultimi sessanta anni – convenzionalmente partiamo dal 1961, quando l’uomo ha messo piede per la prima volta nello spazio – il progresso scientifico ha subito un’accelerazione spaventosa, segnando un gap profondo con la capacità degli esseri umani di “assorbirlo” in modo “quasi ottimale”, com’era avvenuto nei secoli precedenti. Dal 1982, con la nascita di “Internet”, inizia un’accelerazione ancora più violenta, che aumenta il gap. Fette sempre più consistenti di persone stentano a “restare al passo”, registrando quella che, con terminologia psicologica, si definisce “atemporalità esistenziale”, fonte primaria delle più diffuse nevrosi e, in forma minore, ma comunque con numeri rilevanti, delle più complesse e devastanti depressioni. La società cambia “entropicamente”, al di là dei battibecchi e dei contrasti ed è il tempo a scandire i processi dei cambiamenti. Gli uomini hanno solo l’illusione di determinarli, senza rendersi conto di essere ingranaggi di un meccanismo fagocitante molto più grande. Tanto più grande quanto minore è la qualità dei protagonisti della storia. Da qui, però, a stabilire che tutto ciò che accade in fieri sia un bene, ce ne corre. Fin quando il processo era più o meno parallelo (progresso scientifico +/- uguale al progresso intellettivo dell’uomo) grossi problemi non ve ne sono stati, a prescindere da quelli generati dagli uomini stessi in virtù delle loro azioni “pensate” e “ponderate” (anche quando retaggio della follia, singola o collettiva).
Per onestà intellettuale devo precisare che la mia teoria vanta un illustre predecessore, l’ungherese John von Neumann, che già negli anni cinquanta, e quindi ben prima della data indicata come inizio del “distacco” tra progresso tecnologico e quello umano, aveva intuito che “il tasso del progresso tecnologico in continua accelerazione sembra indicare l’avvicinarsi di una qualche fondamentale singolarità nella storia dell’umanità, oltre la quale le vicende umane, così come oggi le conosciamo, non potrebbero continuare”. Newmann parla di futuro “imprevedibile” (incompreso). Mentre i nostri antenati lo immaginavano come il loro presente e non dissimile dal loro passato, noi non siamo in grado di immaginare – e la cosa ci spaventa non poco – ciò che accadrà anche in un futuro immediato, come quello che si configuri in un lasso di tempo compreso tra i dieci e i venti anni. La realtà contingente, poi, con le sue incognite, accorcia ancor di più i tempi, aumentando lo sconcerto. La comparazione del progresso tecnologico su una scala temporale ci consente, in qualche modo, se non proprio di prevedere il futuro, di comprendere le dinamiche verso cui andiamo incontro. Per migliaia di anni, come già detto, l’uomo ha progredito tecnologicamente con estrema lentezza, rispetto a quanto avvenuto nel ventesimo secolo. I progressi registratosi dal 1900 al 2000, però, equivalgono a venti anni odierni! La proiezione è spaventosa: nel ventunesimo secolo, senza considerare ulteriori accelerazioni, in rapporto con il passato, non avremo cento anni di progresso tecnologico, ma ventimila. Avete letto bene: VENTIMILA. Quanti uomini sapranno assorbire questa “accelerazione” senza subirne i contraccolpi? La vera, unica, scommessa sul futuro, è questa. Pensiamo agli ultimi seimila anni di storia, accantoniamo il progresso scientifico e guardiamo solo all’uomo e al suo “progresso intellettuale”, inserendo necessariamente, a questo punto, tutta l’umanità e non solo l’Occidente. Vengono i brividi.


RELATIVITA’ DELLE VERITA’.
Di là da ciò che è stabilito convenzionalmente, di ciò che è conseguenza di un’attività palese, in virtù di regole stabilite e da tutti osservate, non esistono verità assolute. Parigi è la capitale della Francia: ciò è vero perché così è stato stabilito. Roma è la capitale d’Italia per le stesse ragioni, così come in passato lo sono state Torino, Firenze, Salerno. Una squadra di calcio è prima in campionato, in un dato momento, in virtù del fatto che per tutte le altre valgono le stesse regole nel calcolo dei punti conseguiti. Se oggi, 17 gennaio 2016, ore 10 del mattino, asserisco che il Napoli è primo in classifica nel campionato di calcio italiano, affermo “una verità”. Ciò non era “vero” solo pochi giorni fa. (E non scrivo che potrebbe non essere vero in futuro solo per risparmiarmi le maledizioni dei tifosi). Banale, vero? Certo, ma solo apparentemente, se pensiamo all’enorme messe di conflitti che si registrano, ovunque, perché in tanti non riconoscono questi principi, ma solo “le loro verità”.
In tema di convincimenti personali, pertanto, su qualsivoglia tematica, non è detto che ciò che pensiamo oggi sia valido anche domani. Il tempo e nuove esperienze possono determinare anche sostanziali mutamenti di pensiero. A volte una vita è troppo breve per rendersene conto, ma non sono poche le persone che hanno avuto la possibilità e la capacità di riconsiderare i propri punti di vista. Chi scrive questo articolo, negli anni settanta del secolo scorso, era un dirigente del Movimento Sociale Italiano. Non perché fosse la “linea di pensiero” del suo partito, ma perché intimamente convinto in virtù del “suo pensiero”, combatté contro il divorzio; parlava ai convegni culturali da anti-evoluzionista e anti-relativista; pur già coltivando il sogno di un’Europa Unita lo inquadrava in un erroneo contesto che delegava all’Italia una sorta di ruolo guida; storicamente guardava al Risorgimento e ad altre ere con una visione monolitica e partigiana, che separava nettamente le parti, arbitrariamente ritenute buone o cattive. Oggi sorrido di tutto ciò, ma è proprio grazie a questa dicotomia del pensiero, sancita dal fluire del tempo, che posso sostenere con serenità e senza enfasi le tesi esposte in premessa. Sono valide per me, oggi, in funzione di quello che “sono” oggi. So bene, però, che potrebbe non essere così fra dieci, venti o cento anni. E so bene, anche, che se fossi gay la penserei, con la medesima onestà intellettuale, in modo diametralmente opposto. Qual è, allora, il vero punto nodale di tutta la faccenda?
E’ proprio la presenza o meno di “onestà intellettuale” nel sostenere determinate tesi. Quella che manca in quasi tutti i soggetti che abbiano, a qualsiasi titolo, un ruolo che consenta loro di effettuare una scelta o condizionarla. Ho seri dubbi, ad esempio, che l’intimo convincimento dell’attuale capo del governo italiano sia in linea con le sue azioni. Penso, invece, che esse siano più affini a quelle di Enrico di Navarra, che pur restando “intimamente” protestante, non esitò a convertirsi al cattolicesimo per assurgere al trono di Francia. Se “Parigi val bene una messa”, il cinismo del premier può indurlo senz’altro a sacrificare il suo pensiero per restare a galla, seguendo con attenzione “il vento”, soprattutto quello che spira alla sua sinistra. La mancanza di onestà intellettuale, sia ben chiaro, riguarda tutti. Anche le modalità osservate dai cattolici, intrise di un radicalismo che tende a “obnubilare” la realtà, sconcerta. Non si rendono conto che in tal modo, intrinsecamente, legittimano altri radicalismi, molto più pericolosi. L’unico approccio serio che si dovrebbe dedicare a materie così delicate, pertanto, è quello che scaturisce da una “umiltà del pensiero”, che tenga conto delle ragioni di tutti e suggerisca una presa di posizione “intellettualmente onesta”, che non significa, come ampiamente spiegato, “giusta in assoluto”. Democraticamente, le tesi che otterrebbero maggiore consenso, dovrebbero rappresentare il fulcro per le norme legislative. Così non sarà, invece, perché gli interessi di parte avranno il sopravvento sull’onestà intellettuale, generando l’ennesimo papocchio all’italiana.


TESI E ANTITESI
Una delle tesi preferiti dai sostenitori tout court del “pacchetto” preconfezionato delle unioni civili è che l’Italia è in “ritardo” rispetto al resto del mondo. In molti paesi, di fatto, ciò che si sta tentando di introdurre nell’ordinamento legislativo italiano è già una realtà e quindi, da un punto di vista strettamente lessicale, la frase è corretta. Si trasforma in una cavolata mostruosa nella sua genesi interpretativa: siamo in ritardo, loro sono avanti e dobbiamo adeguare le nostre leggi a quelle già in vigore altrove. Si dice, altresì, con estrema leggerezza, che la società italiana è pronta per quelle che vengono definite conquiste di civiltà e vessillo di democrazia. Ciascuno tira l’acqua al suo mulino, ovviamente, con gli argomenti che risultano più facilmente “confezionabili”, a prescindere dalla loro consistenza, quasi sempre effimera.
Se fosse possibile misurare su una scala di valori l’effettivo livello di civiltà di un popolo, in funzione delle proprie peculiarità, normate e non, molto probabilmente ai primi posti finirebbero i Siberiani, gli Eschimesi, i Polinesiani. In questi popoli è così radicato il senso di “fratellanza universale”, che agli ospiti viene concesso il diritto di avere rapporti sessuali con le proprie donne. Attenzione: non si tratta, come si potrebbe pensare istintivamente, di una violenza perpetrata nei confronti delle donne in ossequio al principio di “dominio”, che prevale, per esempio, in altre realtà geografiche, ma di una tradizione consolidata, che trova tutti d’accordo, a cominciare dalle donne, ben liete di sperimentare nuovi e frequenti approcci erotici, con persone diverse.
Ciascun paese, invece, come scritto in precedenza, risponde alle sollecitazioni sociali in virtù della propria storia e del percorso umano compiuto dai suoi abitanti, secolo dopo secolo. Sotto un profilo strettamente “sociologico” è possibile stilare una classifica che distingua i vari paesi in funzione della qualità della vita ed è ben chiaro, come viene rilevato anno dopo anno, che il primato riguarda proprio i paesi del Centro e Nord Europa, dove vigono da tempo le norme all’attenzione dei legislatori di casa nostra, mentre l’Italia fluttua miseramente nelle zone basse della classifica. I due fatti, però, non sono correlati e i parametri che sanciscono le differenze sono ben altri. Ciò va detto con chiarezza, per evitare facili strumentalizzazioni.
La seconda parte di questo articolo, disponibile on line da mercoledì 20 gennaio, sarà dedicata alle norme oggetto del contendere.
Sempre per non parlare a casaccio, occorre stabilire dei parametri validi, possibilmente condivisi da tutti, che non siano quelli sciorinati a profusione in queste settimane, associati quasi sempre alla parola: “diritti”.
Questo è un punto fondamentale per comprendere il più importante e meno considerato elemento di tutta la materia: l’errore – “antropologico”, perché si è consolidato nel comportamento umano secolo dopo secolo – che antepone i diritti ai “doveri”. La verifica è semplice. Provate a ricercare su Google un aforisma su un termine qualsiasi – amore, vita, avvocati, banchieri, filosofi, etc. – e troverete subito centinaia o migliaia di riferimenti “precisi” sulla vostra ricerca. Provate, invece, a scrivere: “aforismi sui doveri”. Il risultato vi lascerà a bocca aperta. Non solo non compaiono, ma ai primi posta della lista si presentano quelli sui “diritti”.
Una distonia esistenziale che ha radici antiche, soprattutto nella società occidentale, tra le principali cause della “crisi dei valori” che è esplosa prepotentemente negli ultimi decenni, proprio in virtù dello “sbandamento” determinato dal gap tra progresso tecnologico e progresso umano.
La svolta coraggiosa che bisogna richiedere a tutti, pertanto, senza della quale tutto si riduce a fiumi d’inchiostro destinati a consumare inutilmente carta e a parole al vento, è “riconsiderare”, innanzitutto, il proprio approccio con l’esistenza, sovvertendo le priorità. Al primo posto passano i “doveri” e il comma, da tramutare in principio universale, è il seguente: “E’ dovere di ogni essere umano preservare la continuità della specie, tutelandola da ogni forma di aggressione”. Non serve aggiungere altro nel “principio”, perché poi saranno le leggi a stabilire “come”. Ciò che è importante è il processo mentale, che sostituendo il termine “diritto” con “dovere”, realizza la più grande e bella rivoluzione, creando davvero le premesse per migliorare il mondo.


(Seconda parte: “Le ragioni del NO”).

Annunci

Una Risposta to “Unioni Civili: La posizione di “Europa Nazione””

  1. […] (Prima parte: Unioni Civili: la posizione di Europa Nazione) […]

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...