Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)
Ho teso corde da campanile a campanile, ghirlande da finestra a finestra, catene d'oro da stella a stella, e danzo. www.lavorgna.it

PREMIO SUBLIMITAS 2016

DSC_0111


Quando ho ricevuto la telefonata del vulcanico Professor Peppino Colarusso, fondatore del “Premio Sublimitas”, e ho appreso che ero stato inserito nel prestigioso novero dei premiati, sono rimasto leggermente perplesso. Un premio alla carriera! “Ecco – ho pensato – incominciano a vedermi vecchio”. Scorrendo la lista dei nomi, però, quasi tutti più giovani di me, mi sono rincuorato. Nello Spirito di Peppino Colarusso, la cui cultura incanta anche le menti più eccelse e può semplicemente definirsi “spaziale”, aleggia una visione della realtà che affonda le radici nelle scuole presocratiche, il cui rapporto con il Tempo non era condizionato da una scala rigida. Rapporto sublimato, poi, tanto dalla nobilissima interpretazione di Agostino, che nel Tempo vede “la misura dell’estensione dell’anima, nel ricordo, nell’attenzione e nell’aspettazione” quanto dalla suggestiva visione nicciana, legata all’eterno ritorno di tutte le cose.
Il Tempo come pura convenzione, quindi, e l’Uomo come “misura di tutte le cose”, non solo secondo l’accezione protagoriana, ma anche in funzione di quelle realmente compiute. Faccio mie, pertanto, le parole del Dottor Conzo, Procuratore della Repubblica a Benevento, il quale, nel ricevere il premio, ha parlato di “punto di partenza e non certo di arrivo, essendo giovane e avendo ancora tanto da fare”.
E’ stato davvero uno splendido evento, quello tenutosi ieri sera, 5 marzo, presso l’Hotel “L’incontro” di Ariano Irpino. Per nulla emozionato, Peppino ha gestito e coordinato un “Parterre” da brividi con il piglio del vero mattatore, prestando attenzione a ogni dettaglio. Una organizzazione davvero impeccabile, che non ha lasciato nulla al caso, senza peraltro apparire “rigida”. Complimenti davvero.
La menzione a me dedicata fa riferifemo all’attività di attore, giornalista, scrittore e organizzatore di eventi. Nel mio intervento per i doverosi ringraziamenti, però, vista la corposa presenza di Funzionari e Ufficiali della Polizia di Stato, a cominciare dal Questore Borrelli, non ho potuto fare a meno di citare quei fantastici anni trascorsi nella Qestura di Siena, dove dirigevo l’Ufficio Economato, operando ad interim anche all’Ufficio Stranieri. Ho augurato ai presenti di vedere presto soddisfatte le loro aspettative, ottenendo risorse e mezzi per meglio operare al servizio del Bene. Con analogo piacere, poi, ho ribadito pubblicamente quanto già riferito al Dottor Conzo, Magistrato da “prima linea”, in occasione della presentazione a Caserta del romanzo di Francesco Caringella, relativamente alla riforma della Giustizia da me elaborata nel programma di “Europa Nazione”, che prevede una maggiore indipendenza della Magistratura.
Dedico il Premio alla mia Mamma e al mio Papà, che prima mi hanno donato la vita e poi mi hanno insegnato a viverla nel rispetto dei Valori più nobili e sacri.

(Cliccare sulle foto per vederle ingrandite)

Lino e Peppino Colarusso

Ottavio Lucarelli

Lino Lavorgna e Barbara Ciarcia

I NOMINATIVI DEI PREMIATI

PHOTOGALLERY

Annunci

Nessuna Risposta to “PREMIO SUBLIMITAS 2016”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...