RASSEGNA MULTIMEDIALE CITTÀ DI CASERTA: SI LAVORA PER LA SECONDA EDIZIONE

Presso lo studio commerciale Del Gaudio, in Caserta, si è riunito il consiglio direttivo delle associazioni Europa Nazione ed Excalibur Multimedia (dottor Pio Del Gaudio, dottor Angelo Romano, dottor Pasquale Francischetti) per discutere sull’ordine del giorno predisposto dal presidente Lino Lavorgna:

  1. Relazione conclusiva sulla prima edizione della rassegna multimediale città di Caserta;
  2. Presentazione linee guida per il varo del bando relativo alla seconda edizione;
  3. Proposta per il conferimento del ruolo di organo ufficiale cartaceo della rassegna alla rivista “Poeti nella società”;
  4. Trasformazione del sito Europa Nazione in versione WordPress con istituzione di una sezione dedicata esclusivamente alla rassegna multimediale e registrazione presso il Tribunale come testata giornalistica on line;
  5. Istituzione del “Premio speciale della critica” da assegnare  a uno dei candidati ritenuti meritevoli per il valore intrinseco dell’opera presentata, indipendentemente dalla posizione in classifica, purché rientrante nell’elenco dei vincitori o dei prescelti per la citazione nell’antologia. Il premio sarà conferito a cura dei giornalisti membri del consiglio direttivo delle associazioni organizzatrici.
  6. Relazione sul comportamento dei candidati non premiati, selezionati per la pubblicazione delle loro opere nell’antologia;
  7. Conferimento al dottor Aldo Succi, unico candidato selezionato per l’antologia presente alla cerimonia di premiazione, del “Premio speciale della critica” anche per l’edizione 2022.

    Prima di iniziare l’esposizione dei punti succitati, Lavorgna ha chiesto di osservare un minuto di silenzio in onore delle vittime della vile aggressione russa in Ucraina, auspicando che l’Europa ritrovi la strada maestra della civiltà e contribuisca in modo più marcato al sostegno di un popolo “europeo” che sempre più si sente abbandonato a sé stesso e oggi riesce a difendersi, sia pure non come vorrebbe, solo grazie al sostegno di USA e Gran Bretagna, che vanno comunque ringraziati, alla pari del popolo polacco, che sta accogliendo amorevolmente milioni di profughi. Lavorgna ha chiuso la sua premessa auspicando che il nuovo Governo che guiderà l’Italia non presenti alcuna ombra in tema di sostegno al popolo ucraino ed esprima una ferma e determinata condanna per chiunque, nel nostro Paese, manifesti turbe psicotiche filo- putiniane, il che non vuol dire condannare tout-court l’intero popolo russo, che va invece aiutato ad affrancarsi da un governo che  sta creando gravi problemi al mondo intero, affinché la Russi torni ad essere un Paese “amabile” e “visitabile”, perché nessuno vuole privarsi del piacere di passeggiare serenamente sulla Prospettiva Nevsky, trascorrere intere giornate nell’Hermitage e visitare i tanti altri luoghi stupendi.

Ritornando al tema della rassegna, Lavorgna ha dichiarato che è rimasto pienamente soddisfatto per gli unanimi apprezzamenti ricevuti in occasione della cerimonia di premiazione, confermando quanto già preannunciato relativamente alla seconda edizione, per la quale è allo studio il nuovo bando che conterrà delle sezioni tematiche dedicate alle vicende europee e all’ambiente.

Dopo aver illustrato i punti 3 e 4, accolti con viva gioia soprattutto dal  fondatore e presidente del Cenacolo Accademico “Poeti nella società”, Pasquale Francischetti, consigliere di Excalibur Multimedia e membro della giuria nella prima edizione, Lavorgna si è soffermato su un argomento ritenuto di fondamentale importanza, connesso alla mancata percezione della reale mission della rassegna da parte di molti candidati, ben affiorata dal comportamento di coloro che, seppure selezionati per essere presenti nell’antologia dedicata alla prima edizione con una scheda personale comprensiva delle opere presentate, hanno ritenuto di disertare la cerimonia di premiazione in quanto interessati a figurare solo tra i primi tre posti. Lo sforzo di far comprendere che l’elemento “gara” non deve essere in alcun modo considerato prioritario rispetto agli altri, essendo uomini di cultura ciascuno con la propria sensibilità e non atleti in gara alle Olimpiadi, per i quali anche un millesimo di secondo faccia la differenza, non è stato ben recepito. Lavorgna, pur facendosi carico della “distonia”, come sua abitudine quando qualcosa non vada come debba andare, nell’assicurare una comunicazione più efficace in futuro, non ha potuto non evidenziare, anche tenendo conto di altri elementi che traspaiono dalla società, quanto ciò costituisca una diffusa propensione in un tessuto umano che necessita, prima ancora di una migliore comunicazione, di un incitamento a riconsiderare totalmente l’approccio con le tematiche culturali.  Proprio in considerazione di quanto sopra esposto e in funzione della novità contemplata al punto cinque, è stato deciso di conferire, ex post,  il premio speciale della critica al dottor Aldo Succi, geologo molisano, unico tra i candidati non vincitori selezionati per l’antologia ad essere presente alla cerimonia di premiazione, in virtù della valenza del romanzo “Una storia al di là del muro”, che godrà anche di una recensione da pubblicare sui media di riferimento delle associazioni, a cominciare dal mensile “Confini”, diretto da Angelo Romano, dal quotidiano on line “Ondazzurra” (assente il direttore editoriale, dottor Giovanni Lucianelli, per impegni di lavoro) e ovviamente dal periodico bimestrale  “Poeti nella società”.

Come più volte ribadito a tutti i concorrenti, infatti, le complesse modalità analitiche utilizzate, grazie ai “pesi percentuali” attribuiti alle varie componenti da esaminare, hanno consentito di stilare una classifica quanto più razionale possibile, perché comunque bisognava individuare, in modo “ottimale e serio”, i primi tre classificati di ciascuna sezione. È ben chiaro, tuttavia, che se in una gara di atletica o di nuoto pochi centesimi di secondo determinano una netta differenza qualitativa tra gli atleti, lo stesso non può riguardare, ma soprattutto non “deve”, persone culturalmente di alto profilo che coltivino la passione per la poesia e la narrativa, o si cimentino in campo artistico, perché la “potenza” delle proprie opere, comunque positivamente valutate, non ha nulla da invidiare a quelle premiate, essendo la distanza davvero irrisoria.

A conclusione della riunione, Lavorgna ha annunciato che la bozza del nuovo bando sarà presentata entro la fine del mese di ottobre.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.