Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)
Ho teso corde da campanile a campanile, ghirlande da finestra a finestra, catene d'oro da stella a stella, e danzo. www.lavorgna.it

Archive for the ‘I ricordi nel cuore’ Category

TRE ANNI E SEMBRA IERI

febbraio 21, 2017

“PRENDIMI LA MANO” Non mi spaventa il clamore della folla, né la perfidia dei singoli. Non mi spaventa il mare in tempesta e quieto solco i sentieri nelle selve ombrose. Non mi spaventano le cime innevate, i deserti di sabbia e pietre e quelli dell’anima. Non mi spaventano i fiumi in piena né i predatori […]

DIECI AGOSTO: SAN LORENZO. TANTI AUGURI, PAPA’.

agosto 10, 2016

Caro Papà, oggi manchi di più e pesa, pesa molto, quella sedia vuota a capo tavola. Manchi di più perché è proprio nel giorno di San Lorenzo che affiorava tutta la tua straordinaria, meravigliosa, profonda essenza, pregna di quel retaggio ancestrale che trasmettevi con la semplicità che si addice agli uomini della tua tempra. Era […]

BUON COMPLEANNO, PAPA’

aprile 23, 2016

Buon Compleaanno, Papà. Oggi ho tirato fuori l’archivio fotografico non ancora disponibile in formato telematico. Occorreranno mesi per scannerizzare negativi, diapositive e vecchie foto. Tu sei sempre con noi… Cliccare sulle foto per vederle ingrandite.

CIAO, PAPA’.

aprile 10, 2016

Caro Papà, mi accingo a scriverti questa lettera dopo aver sorseggiato il primo caffè di una giornata uggiosa, ovviamente non solo a causa delle nubi che si addensano minacciose, pronte a scaricare pioggia. Il camino è insolitamente acceso, considerato il periodo, e mentre sorseggiavo il caffè ho girovagato un po’ tra i canali televisivi, soffermandomi […]

19 marzo: San Giuseppe e Festa del Papà (NON del “genitore 1”)

marzo 19, 2016

Il termine “imbecillità” proviene dal latino e vuol dire “debolezza fisica o di mente”. In psichiatria indica la condizione di chi è sciocco o poco intelligente, a causa dell’arresto dello sviluppo intellettuale a un livello infantile. Un imbecille si riconosce subito dalle cose che dice. Di fatto è un malato e andrebbe curato. Nei loro […]

La Mamma: il bene più prezioso.

febbraio 21, 2016

Due anni, volati via come il battito delle ali di una farfalla e resi “tangibili” solo dalle certezze di un calendario. Per qualcuno il tempo è un’illusione e a me spetta di sicuro un posto in prima fila, in questo speciale Club, perché il mio rapporto con il tempo, come ben sai, è stato sempre […]

Quel pomeriggio di quaranta anni fa

giugno 14, 2015

E’ davvero complicato comprendere i misteri della mente, connessi alla memoria, che ancora presentano tanti lati oscuri, nonostante i numerosi e articolati studi effettuati da validi scienziati. A volte mi capita di sentire citare eventi, anche importanti, che mi hanno visto testimone o protagonista e, per quanti sforzi producessi, non riesco proprio a lasciarli affiorare […]

Lorenzo Lavorgna: mio Padre

aprile 10, 2015

Già dodici anni, volati via come un leggero alito di vento in un quieto giorno di primavera, o il dissolversi di un arcobaleno dopo una pioggia mattutina. Non vi è nulla di più instabile della percezione del Tempo, che inesoralbile e spietato scandisce il suo fluire. Percorro i sentieri di sempre, con Te nel cuore, […]

Quell’ultimo abbraccio

febbraio 21, 2015

Giuseppina Federico – Mia Madre Un anno è volato via, ma sembrano trascorsi solo pochi attimi da quell’ultimo abbraccio, al sorgere del sole, quando l’umana negligenza, più che la caducità della vita, privarono Annalisa e me del Tuo sorriso, del Tuo calore, del Tuo amore e di quella straordinaria forza interiore che forza generava. La […]

Giuseppina Federico: Una Donna Italiana

marzo 15, 2014

Cara Mamma, per la prima volta, nella mia vita, avverto un totale senso d’impotenza e d’inadeguatezza al cospetto di un foglio bianco. Un vuoto assoluto che m’impedisce di trovare le parole da affidare alla tastiera. Ciò, tuttavia, non mi genera sgomento ma gioia. La gioia che scaturisce dalla consapevolezza di avere una Mamma fantastica (avere, […]