Galvanor da Camelot (Lino Lavorgna)
Ho teso corde da campanile a campanile, ghirlande da finestra a finestra, catene d'oro da stella a stella, e danzo. www.lavorgna.it

14 SETTEMBRE 2015: NO ALL’EMERGENZA, SI’ ALL’EUROPA DEI POPOLI.

EUROPA NAZIONE


Il 14 settembre 2015 è prevista una riunione ministeriale d’emergenza dell’Unione Europea “per rafforzare la risposta europea” all’esodo di milioni di persone. Una riunione che dovrà prendere in esame i limiti del regolamento di Dublino, la cui inadeguatezza è sotto gli occhi di tutti.
L’iniziativa è lodevole ma destinata a fallire, perché gli intenti ipernazionalistici dei singoli Paesi dell’Unione, in massima parte condizionati da chi cinicamente specula sull’immane tragedia, sono molto più forti della volontà di adottare i complessi provvedimenti in grado di rivelarsi veramente risolutivi. Provvedimenti che rappresentano una grande sfida sul fronte politico e impattano non poco sulla coscienza dei singoli. Dietro ogni azione si cela la qualità di colui che la pone in essere e questa fase storica, purtroppo, richiederebbe ben altri soggetti rispetto a coloro che sono chiamati a fronteggiare eventi di gran lunga superiori alle loro forze.
Solo un’Europa veramente unita potrebbe creare i presupposti per un nuovo ordine mondiale, orientato verso un futuro di pace. Un’impresa ardua perché possibile solo grazie a una spinta dal basso, che faccia recepire bene il messaggio dell’ineludibilità dell’Europa dei Popoli, che deve soppiantare quella dei mercanti, capace solo di produrre immani guasti e di infrangere i sogni dei veri Europeisti.
IL 14 SETTEMBRE 2015, PERTANTO, FACCIAMO SENTIRE LA NOSTRA VOCE. PUBBLICHIAMO NEI NOSTRI SOCIAL L’IMMAGINE SCELTA COMPE COPERTINA DI QUESTO ARTICOLO E CIASCUNO SCRIVA IL PROPRIO MESSAGGIO AI GOVERNANTI DELL’EUROPA UNITA.
Non servono né insulti né risentimenti. I parlamenti nazionali e i governi che li rappresentano sono speculari alla società civile che ha conferito loro il potere. Siamo noi i primi responsabili delle nostre sventure, con continue scelte politiche dissennate.
Incominciamo a cambiare noi, pertanto, cercando soprattutto di “migliorarci” e poi, come un uragano capace di travolgere ogni cosa, potremo determinare la svolta necessaria per la realizzazione del grande sogno: GLI STATI UNITI D’EUROPA.
Se ne saremo capaci, potremo essere fieri di noi stessi e avremo assicurato un futuro migliore ai nostri figli e nipoti. Se continueremo a nutrirci del male che quotidianamente ci atterrisce, potremo solo recitare il mea culpa per il progressivo ingigantirsi di scenari apocalittici.


Cliccare sulla foto per ingrandirla e salvarla

Annunci

Nessuna Risposta to “14 SETTEMBRE 2015: NO ALL’EMERGENZA, SI’ ALL’EUROPA DEI POPOLI.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...